Il Paddle cos’è: un po’di storia.

Questo sport nasce in Messico negli anni 70, quando un cittadino decise di voler possedere un campo da tennis in casa sua. Dato che non aveva abbastanza spazio per un campo regolamentare, adattò il campo al suo cortile. Il gioco del Paddle è una variante del tennis, posizionata in un campo ridotto. Negli anni 80′, lo sport diventò popolare in Spagna, Francia, Usa e Brasile. In Italia arrivò invece negli anni 90′, esattamente nel 1991, anno in cui venne costituita la Federiaione Italiana Gioco Paddle. Importanti competizioni si svolsero nel bel paese, tra i quai i campionati europei di Milano Marittima e Bologna. Dal 2008 venne riconosciuto dal Coni come sport, annettendolo all’interno della federiazione italiana di tennis.

Come si gioca e l’ importanza delle racchette.

Il gioco, come già anticipato è molto simile al tennis. Si gioca in un campo di 20 metri per 10, diviso a metà da una rete. Attorno al campo vi sono muri di vetro o cristallo. La scelta delle racchette è molto importante per il giocatore, in quanto si differenziano in tre principali tipologie: Rotonda per i principianti, a goccia per gli intermedi e a diamante per gli esperti. Per maggiori informazioni sulla storia, il regolamento, la tipologia di racchette e dettagli è possibile visitare il sito www.paddlepoint.it.

Dove è possibile giocare a paddle in Italia

La regione con il maggior numero di campi in italia si trova nel Lazio, con oltre 70. Tra i più rinomati sporting club laziali dove è possibile praticare questa disciplina sportiva, troviamo:”il circolo canottieri Ainene”, “il tennis club le Molette”, dove praticano questo sport alcuni tra i più importanti giocatori italiani e al “due ponti sporting club”. In Emilia Emilia Romagna, la città con maggior numero di centri sportivi è Bologna con 17 centri sportivi. Tra i più famosi il “paddle tennis downtown Bologna”,il centro sportivo “Torre Verde” a Castel Maggiore (BO) e l’ “ASD Bologna Paddle”. Questa zona ha avuto in fiorente sviluppo di tali centri sportivi grazie ai campionati europei svoltisi nel passato.

Resto d’Italia

Partendo dal Piemonte, nella regione vi sono ben 24 circoli, tra i più importanti il Royal Club “A” di Torino, il TC Alba di Diano d’Alba e il CT Pinerolo. In Veneto invece sono presenti 12 impianti sportivi tra i quali il rinomato il “Padel club di Padova” con un campo Hi Tech, maestri qualificati e corsi per tutte le età. La Lombardia conta 16 campi paddle, i più importanti in zona Milano, attrezzati e con campi adatti a principianti ed esperti.
Anche il Trentino possiede 2 strutture sportive. In Friuli Venezia Giulia vi sono 3 strutture: 2 a Udine e una a Grado.
In liguria un bellissimo centro si trova a Genova, il circolo “Cristoforo Colombo”, dove si svolgono importanti tornei. Altro centro verso il ponente ligure si trova a Savona. Per quanto riguarda la Toscana vi sono 7 circoli, nelle città di Firenze, Livorno, Lucca, Grosseto e Prato. Anche al centro sud vi sono numerose strutture attrezzate a questo sport: 2 in Umbria, 4 nelle Marche, 8 in Campania, 3 in Calabria e bensi 43 in Sicilia. L’italia qundi, nonostante non sia uno sport molto praticato, risulta ben attrezzata con strutture all’avanguardia, che coprono l’intero territorio nazionale.